Addio a Giancarlo Medesani

02 Gennaio 2018


 

Lutto per l’Atletica Italiana: è mancato nella notte, a Gorizia, Giancarlo Medesani, il tecnico che portò Paolo Camossi al titolo di campione del mondo di salto triplo. Aveva 80 anni ed era malato da tempo.

Nell'Atletica Leggera, passione a cui ha dedicato un'intera vita, è stato - ma non solo - la guida di Paolo Camossi: insieme hanno costruito l’impresa di Lisbona 2001, quando il goriziano vinse l’oro mondiale indoor battendo, con 17,32, il primatista mondiale all’aperto Jonathan Edwards. Medesani negli anni è stato l’allenatore di Giada Gallina, portandola all’allora record italiano dei 100 metri, e di altre azzurre di primo piano come Barbara Lah, Elisa Andretti e Tania Vicenzino. Dal 1989 al 1995 è stato responsabile tecnico della nazionale di prove multiple.

In gioventù era stato azzurro nel decathlon, nell’alto e nel triplo, per poi iniziare una carriera da allenatore versatile, capace di spaziare con successo dall’atletica leggera al pentathlon (costruì l’oro olimpico di Los Angeles, ma non partì per i Giochi per improvvisi contrasti con la Federazione), dal basket (come preparatore atletico del Banco Roma) allo sci (oltre a essere Maestro di Sci, ha fatto parte dello staff di Tina Maze), sino alle arti marziali.

Giancarlo Medesani era un personaggio poliedrico, noto per un carattere appassionato e intransigente e per l’immensa cultura sportiva. Lascia un vuoto nell'atletica e nello sport italiani.

Alla famiglia e ai figli vanno le più sentite condoglianze del presidente della FIDAL Alfio Giomi, del Consiglio federale e dell'atletica italiana tutta. I funerali si terranno venerdì 5 gennaio nella Parrocchia di Maria S.S. Regina di via Montesanto a Gorizia.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: